Galatina.it

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
"C'è un tempo per tacere e un tempo per parlare"
Viva Athena
Parva

Lettere

Aperture, chiusure e sensi unici mentre le auto passano "dentro" una Basilica bene dell'umanità

E-mail Stampa PDF

Abbiamo visto negli ultimi tempi dei timidi ma apprezzabili passi avanti nella sensibilità sull'argomento traffico,attraverso le scelte di chiudere la Porta Luce e di vietare il transito ai pesanti nel centro abitato, oltre alle varie iniziative, tavoli di concertazione e similtecnici, petizioni, articoli, proposte e contro-proposte, barricate e cannonate, e via dicendo tra chiacchere e progetti.Direi di parlare un po' di circolazione, di scelte strategiche che porterebbero a cambiamenti nelle abitudini dei cittadini, che con i loro vizi e virtù danno vita a quello che tutti chiamano traffico e inquinamento. Lancio delle proposte che potrebbero confondere, più di quanto già lo sono, le idee, ma che rendono chiare due cose: una che non si può fare un intervento scollegandolo e rendendolo indipendente dal contesto, due che in modo continuo dal centro alla periferia ci sono tanti problemi non tutti sviluppati in questa discussione.
La circolazione del centro storico andrebbe modificata mettendo via Umberto I con il senso unico di marcia da via Robertini verso Via Vittorio Emanuele II (come durante i lavori al basolato), mentre Via Vittorio Emanuele II (la cosiddetta scisa de l'orologio), bisognerebbe cambiarla di senso rispetto all'attuale, cioè dall'orologio verso Piazza S.Pietro. In questo modo senza chiudere il centro al traffico, si crea un ostalo al suo attraversamento. Infatti chi in auto dalla Pupa vuole andare verso Rione Italia dovrebbe allungare il persorso percorrendo prima Corso Garibaldi, poi Via Robertini e Via Umberto I per poi riprendere Via Lillo, allungando in questo modo il percorso e rendendolo meno conveniente rispetto ad altri percorsi.

A questo bisognerebbe aggiungere la chiusura del tratto di Via Orsini da Via Robertini al Katy bar e mettere Via Orsini a senso unico in entrata da Via D'Enghien a Piazzetta Orsini, per dare accesso a Via San Mauro e Via San Francesco, entrambre a senso unico in direzione Piazza Galluccio (Piazzetta San Luigi). Il problema della sistemazione delle aiuole/panchine di Piazza San Pietro, nel momento in cui si seglie di adottare la soluzione della "scisa de l'orologio" invertita, può essere facilmete risolto (vedi figura), creando un doppio senso di ingresso/uscita dalla Piazza solo sul lato della banca MPS (ex-EdenBar), mentre tutta la rimanente Piazza delimitata dal Castello, la Chiesa Madre, la chiusura dell'ingresso in Piazza di Via Cavoti e le aiuole rimane a diposizione della gente a piedi, riappropriandosi finalmete della sua funzione.

La proposta di Corso Vittorio Emanuele II è un segnale per la sistemazione del centro storico, poi è necessario fare degli interventi anche in altre zone della città, come ad esempio vicino Piazza Fortunato Cesari e delle due strade adiacenti l'Edificio scolastico che intersecano Via Liguria, dove si genera un caos formidabile a qualsiasi ora del giorno.
Praticamente sarebbe utile chiudere al traffico il tratto di Via Umbria da Piazza Fortunato Cesari fino via Liguria (il tratto di 30 metri sul lato nord dell' Edificio scolastico), mentre il tratto di Via Marche da Via Liguria fino Piazza Fortunato Cesari andrebbe sistemato a senso unico verso Piazza Cesari, in questo modo chi percorre Corso Principe di Piemonte fino alla villetta, lo fa solo per cercare parcheggio o per andare a prendere i bimbi a scuola.
Poi si dovrebbe passare al tratto di Via Roma da Piazza Alighieri fino Via Liguria, che andrebbe sistemato a senso unico in entrata o in uscita da Piazza Alighieri? Sicuramente il senso unico risolve la situazione di pericolo per i pedoni nell'ultimo tratto di Via Roma, per quanto riguarda la direzione direi che è concatenata alla scelta precedente, quindi se dalla villetta non si attraversa più Via Liguria verso ovest, bisogna farlo da Via Roma che quindi sarà in uscita dalla villa, di conseguenza gli ingressi da quel lato saranno Corso Re d'Italia e Via Pascoli-Corso Porta Luce. Se la scelta fosse in entrata alla Villa, che mi sembra più idonea, l'unica principale diventa Corso Porta Luce, ce la può fare a sostenere il traffico?
Ed ecco che spunta fuori un altro nodo, non ultimo per ordine di importanza, il girone di Corso Porta Luce a senso unico, doppio senso oppure .................?....mmm...

Il doppio senso appare la soluzione migliore, ma scontenta sia i commercianti, che vorrebbero i parcheggi e sia i pedoni che respirano aria super-puzzolente, quindi a chi sembra migliore? ... a me no! ai politicanti? mboo...
Il senso unico in uscita dalla Villa verso la Porta Luce (necessario vista la sistemazione di Via Roma  a senso unico in entrata alla Villa) sarebbe la soluzione di mezzo (addatta ai moderati) che consente i parcheggi e supplisce alla sistemazione di Via Roma a senso unico, infatti mettere Corso Porta Luce nell'altro senso, cioè verso la Villa, con il giochino di Corso Vittorio Emanuele II, rimane che l'unica uscita dalla Villa diventerebbe Via Mazzini ed è improponibile.
La terza soluzione, ma non per ordine di preferenza, pedonale e ciclabile (in questo caso, però, Via Roma va sistemata a senso unico in uscita dalla Villa) risolve i problema, perchè fa lasciare a tutti la macchina a casa, perchè gli unici ingressi alla Villa rimangono Via Turati e Corso Re d'Italia. So già che verrà scartata subito, purtroppo...sigh!Poi bisognerebbe fare qualcosa per la Via di Soleto, che tra parcheggio in linea, spina di pesce e spina "de rizzu" e doppio senso ha i suoi problemi, e poiu Via Sal Lazzaro che sembra il rettilineo davanti ai box della Formulla 1, e poi l'incrocio di Santa Caterina Novella con Via Roma davanti l'ingresso dell'ospedale, poi il nodo di Via Kennedy con Via Liguria, Piazza Stazione e Via Collemeto, poi Via Diaz con Via Grassi e XX Settembre, poi...poi...poi tanti altri problemi piccoli e grossi sia per chi va in macchina e sia, e soprattutto, per chi va a piedi e in bicicletta.
Dopo questo lancio di elucubrazioni v(i)arie rimando a tutti i galatinesi la discussione e le scelte, se mai ci saranno, visto l'immobilismo politicamente strategico...

Gentile Andrea, esistono dei programmi di calcolo fatti proprio per verificare le elucubrazioni e trasformarle in proposte concrete. L'unica cosa  certa è che nessuno di quegli elaborati della mente umana è così perverso da  prevedere che sui gradini di una Basilica proposta come bene dell'umanità protetto dall'Unesco, debbano passare le auto. (d.v.)

Un anticipo di Babbo Natale o moderni untori?

E-mail Stampa PDF

Caro Dino, non so se ti sei occupato del seguente argomento che brevemente ti segnalo. Nel Rione "S. Sebastiano" in cui abito, un paio di mesi fa hanno raccolto le firme contro l'installazione dell'antenna, della Wind credo, ma nonostante questo l'antenna, dopo poco tempo, è stata installata, mi sembra su una base provvisoria ma credo che resterà per sempre. 

Leggi tutto...

Si "volavano" gli aquiloni

E-mail Stampa PDF

 Cari ragazzi, Cominciava così una lettera datata 30 ottobre 2010, indirizzata ai ragazzi delle Scuole Elementari e Medie di Galatina. Vi è certamente capitato girando per le strade appena fuori dal paese, di imbattervi in quei campi che sembrano non finire mai, pieni di quella specie di specchi, incolonnati con una precisione millimetrica. Quando avete chiesto ai vostri genitori: ma cosa sono?

Leggi tutto...

Se è un casello, si paghi il pedaggio!

E-mail Stampa PDF

Mi sta piacendo la definizione di casello autostradale di Piazza San Pietro! E se effettivamente si pensasse di lasciare il passaggio in centro aperto ma con un pedaggio, quindi un vero e proprio casello attrezzato anche con telepass, perchè no?! Non sarebbe la prima e neanche l'ultima città con il ticket per il centro! Con gli introiti si possono attivare varie iniziative e riparare gli eventuali danni.

Leggi tutto...

Grazie a nome dei veri nonni di Rachele

E-mail Stampa PDF

Egregio Direttore, proprio ieri, commentando con dei colleghi di lavoro l'attuale crisi occupazionale che attanaglia la nostra nazione, ci è venuto in mente un fatto. Si è parlato, nei mesi scorsi, del problema del depuratore di contrada Spallaccia, chiuso ormai da tempo.

Leggi tutto...

Pagina 81 di 84

Articoli correlati

L'editoriale

Strabismi

Una canzone al giorno

La ricetta di oggi

Pasta, fagioli e cozze

Manuela Mercuri      
La ricetta di oggi

I più letti della settimana

Cerco cuccia!

Login

Chi è online

 338 visitatori online

Statistiche

Utenti : 5
Contenuti : 4438
Link web : 4
Tot. visite contenuti : 7359343
You are here: Rubriche Lettere