Galatina.it

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
"C'è un tempo per tacere e un tempo per parlare"
Viva Athena
Parva

E poi ti capitano tre giorni a Berlino…

E-mail Stampa PDF

Berlino_ph_Raffaella_Calso Berlino_ph_Raffaella_Calso Tutto e il contrario di tutto. La libertà di essere e fare. La prigionia ricordata da sarcofagi anonimi, come anonimi erano i deportati destinati al massacro. Un monumento dovuto, freddo come tutta la città, ma capace di bruciare di ingiustizia e di umanità inesistente. Di dignità mangiata. A morsi, affamati di utopiche perfezioni.
Berlino è amore che ha il suo spazio senza la paura di doverlo chiedere. E' silenzio intorno a un tavolino povero, ma ricercato. E' sonno in metro, pensiero che si appanna alla terza media chiara, ma che continua a ridere e a chiedere birra per mettersi a tacere almeno per un po'.
Berlino è architettura antica che si mescola a quella più moderna e si alimenta di contraddizioni.
Berlino è grande, dura come la sua lingua, ricca di multietnici colori, di pietra scavalcata, sporcata di sangue e poi fatta crollare. Quello che rimane è quasi da dimenticare sotto un ammasso di spazzatura che distrae chi vorrebbe invece darsi delle risposte.
Berlino è grassa, alta, rubiconda e bianca contemporaneamente, ovattata nella nebbia, malinconica, insicura.
Piena. Vuota.

da http://lasciatemiscrivere.wordpress.com/2012/11/17/e-poi-ti-capitano-tre-giorni-a-berlino/


Articoli correlati

L'editoriale

Strabismi

Una canzone al giorno

La ricetta di oggi

Pasta, fagioli e cozze

Manuela Mercuri      
La ricetta di oggi

I più letti della settimana

Cerco cuccia!

Login

Chi è online

 192 visitatori online

Statistiche

Utenti : 5
Contenuti : 4439
Link web : 4
Tot. visite contenuti : 5447919
You are here: Rubriche L'editoriale E poi ti capitano tre giorni a Berlino…