Caro Sindaco, deve proprio morire per rinascere? Il 'brutto' alla conquista di Galatina

Stampa

IMG_0144_Large IMG_0144_Large IMG_0151_Large IMG_0151_Large Accade che quando pensi di aver chiuso il giornale di domani ti arrivino due foto come queste che ti costringono a riaprirlo e riflettere. Una palma che è morta ed una Pupa che annaspa nell'acqua putrida. Allora ti chiedi, ancora una volta, 'perché?'. Perché in questa nostra benedetta ed amata città non cambia mai nulla? Si alternano le amministrazioni ma i problemi, dai più piccoli ai più grandi, restano sempre. Oggi Montagna e la sua Giunta ancora non possono essere indicati come 'i colpevoli'. Si trovano davanti ad una quantità enorme di questioni irrisolte e non possono, certamente, occuparsi delle quisquilie. C'è però da chiedersi perché Franco passa, con la sua macchina fotografica, e si accorge che il 'brutto' sta di nuovo prendendo il sopravvento in città? Qualcuno si accorge, per esempio, delle erbacce lungo i marciapiedi? Perché i dirigenti ed i funzionari del Comune di Galatina, coloro che rappresentano la continuità nell'amministrazione pubblica, non vedono, nella casa di tutti, ciò che mai accetterebbero  nelle loro dimore?
Caro Sindaco, la città potrà 'rinascere' se intanto qualcuno (i responsabili!) non l'avranno lasciata morire.