Il pulcino fa 'pio' o è 'Pio'?

Stampa

pulcinopio pulcinopio E' sempre vero. Ogni estate ha la sua canzone, ogni estate ha la sua "colonna sonora", all'ombra della quale ci si innamora, ci si scambiano promesse, si sogna e si balla. E che a sentirla dopo chissà quanti anni fa tornare alla mente chissà quanti ricordi, chissà quanta nostalgia. Tutto questo per dirvi che anche quest'estate ho avuto la mia "colonna sonora", la mia "canzone": IL PULCINO PIO. L'ho ballata, l'ho cantata e l'ho suonata chissà quante volte,

ho imparato a fare bene tutti i versi degli animali, tru...glu...bee...bau... miao.... ma quando faccio BBRRRUUMM, sembro davvero un trattore. E con quel BRUM che investe il PULCINO PIO alla fine scoppio sempre in lacrime e penso: brutta fine per il pulcino pio, POVERINO!! e giù lacrime a non finire.
Ed ora ce l'ho con tutti i trattoristi, con l'intera categoria. Il mio odio è così forte che l'altro giorno, incrociandone uno sulla strada di un paese non molto lontano da qui, gli ho gridato dal finestrino: trattorista cornuto!!! E il trattorista guardandomi meravigliato : ma che m'ha forse presu pe nu toru!!!

Caro Piero, mi è venuto un dubbio. 'Pio' va scritto maiuscolo perché è un nome proprio o minuscolo essendo il verso del pulcino? Nel cartone animato è tutto in stampatello maiuscolo. Questo è un problema serio, altroché lo spread! E' su questo tema che si dovrebbe aprire un dibattito. Mi chiedo perché Piero Angela non se ne occupi a Quark o per quale motivo qualche deputato di grido non faccia una bella interrogazione al ministro della Pubblica Istruzione. Mi fosse venuto in mente lo avrei chiesto a Matteo Renzi. Lui che, come età, è certamente più vicino di Bersani al giovane bipede della radio avrebbe avuto la risposta.
Spero che qualcuno mi tolga dalle ambasce. Intanto ti saluto, caro Piero, con una bella notizia. E' ricominciato 'Cento vetrine'. (d.v.)