Galatina.it

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
"C'è un tempo per tacere e un tempo per parlare"
Viva Athena
Parva

Accabadora - Michela Murgia

E-mail Stampa PDF

Storia di madri e figlie, di un fillus de anima, uno di quei “bambini generati due volte, dalla povertà di una donna e dalla sterilità di un’altra”; storia di un rispetto che si crede immeritato e di una morte inizialmente solo intercettata poi visibile, difficile da capire, difficile da considerare come gesto amorevole. L’ultimo gesto dell’accabadora (colei che finisce). Il romanzo di Michela Murgia, edito da Einaudi, Premio Campiello 2010, ti costringe a scrutare le pagine con l’attenzione di un’emozione alla quale si fa fatica a rinunciare nell’avvicinarsi della conclusione. È una scrittura che avvolge, che ti rende chiare le cose facendoti pensare “io, quell’argomento, l’avrei trattato proprio così, con quelle parole”, eppure non minimizza con qualche aforisma ad effetto i problemi ed i sentimenti che affronta. Nella Sardegna degli anni Cinquanta, tra i silenzi del “così è” e della solitudine che cerca appigli per non crollare, ci sono altri silenzi che gridano mentre si imbattono nei propri bisogni. C’è il silenzio della morte. E c’è il silenzio di chi sa di poter ricominciare.


Articoli correlati

L'editoriale

Strabismi

Una canzone al giorno

La ricetta di oggi

Pasta, fagioli e cozze

Manuela Mercuri      
La ricetta di oggi

I più letti della settimana

Cerco cuccia!

Login

Chi è online

 302 visitatori online

Statistiche

Utenti : 5
Contenuti : 4438
Link web : 4
Tot. visite contenuti : 7359364
You are here: Recensioni Libri Accabadora - Michela Murgia