Galatina.it

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
"C'è un tempo per tacere e un tempo per parlare"
Viva Athena
Parva

Gervasi e Montagna hanno partecipato alla manifestazione di Brindisi. Le reazioni di tutto il mondo politico pugliese

E-mail Stampa PDF

Brindisi-20120519-00088 Brindisi-20120519-00088 Carlo Gervasi e Cosimo Montagna hanno partecipato alla manifestazione di Piazza Vittoria a Brindisi convocata per rispondere all'ignobile attentato avvenuto davanti all'Istituto Professionale per i Servizi Sociali. "Il vile attentato che ha colpito la scuola "Morvillo-Falcone" di Brindisi -ha dichiarato Gervasi- costituisce l'ennesimo episodio di matrice criminale contro le istituzioni, colpendo vittime innocenti. (all'interno i video)

Esprimo tutta la mia solidarietà nei confronti dei familiari delle giovani studentesse alle quali rivolgo il mio più accorato sentimento di cordoglio. La lotta alla criminalità organizzata ed alla mafia si combatte attraverso quel movimento culturale che cresce e si diffonde nelle scuole, luoghi dove si insegna la cultura della legalità. Oggi parteciperò alla manifestazione antimafia indetta a Brindisi".

"Apprendo con orrore e sgomento del vile attentato compiuto presso l'Istituto Professionale "Morvillo Falcone" di Brindisi, che ha provocato la morte della giovane Melissa Bassi e il grave ferimento di altri studenti. -ha detto Cosimo Montagna- Esprimo a titolo personale e a nome di tutta la coalizione che rappresento un sentimento di vicinanza e di profondo cordoglio per la sofferenza inferta alle famiglie. Parteciperò alla manifestazione odierna che si terrà a Brindisi alle 18 contro la violenza criminale che in modo cieco e brutale ha spezzato giovani vite colpendo duramente le famiglie e l'intera comunità civile.

Dim lights Dim lights

Il Gonfalone della Regione Puglia sfilerà nella manifestazione di Brindisi, alle 18, da piazza Vittoria. Il presidente del Consiglio regionale, Onofrio Introna, invita i presidenti delle Province e i sindaci pugliesi a volersi attivare, pur nei tempi oggettivamente ristretti, perché anche i simboli delle Amministrazioni locali di tutta la Puglia sia presenti a Brindisi, per dare un forte segnale di unità delle Istituzioni e di mobilitazione civile contro la violenza.

"Il Partito Democratico,L'Italia dei Valori,la Federazione della Sinistra e Sinistra e Libertà di Galatina condannano l'efferato gesto criminale compiuto ai danni di giovani studenti della scuola " Morbillo Falcone " di Brindisi, spezzando la vita di una ragazza e provocando il ferimento di altri. In un momento di grave crisi economica e di forti tensioni sociali occorre una forte vigilanza a tutti i livelli affinché siano scongiurate azioni che possano minare le radici della democrazia".

Luciano Marrocco, Segretario provinciale Giovani Democratici del Salento: "Quando Giovanni Falcone e Francesca Morvillo, insieme ad Antonio, Rocco e Vito, persero la vita nella strage di Capaci, Melissa e Veronica non erano ancora nate, sono sicuro però che sapessero bene chi fossero. Tra qualche giorno, il 23 maggio, ricorre il ventennale della loro morte. La mafia non si combatte con le bombe o con la violenza, e non bastano nemmeno gli arresti e le condanne, la mafia si combatte con l'istruzione, con i libri. Melissa lo sapeva bene, per questo anche questa mattina si era svegliata presto, per essere a scuola alle 08.00, come ogni mattina, all'istituto Agrario Morvillo-Falcone. Con la bomba a scuola, con la morte di Melissa e Veronica, hanno dimostrato di aver paura proprio dell'istruzione, della potenza che un libro ha di istruire e di permettere che, le idee di Giovanni, Francesca e di tutti coloro che hanno pagato con la vita la loro opposizione alla mafia, continuino a camminare sulle gambe di ragazze e ragazzi come Melissa e Veronica. Attaccare una scuola significa attaccare una intera generazione. Come Giovani Democratici del Salento, esprimiamo tutto il nostro affetto alle famiglie colpite da questa tragedia, a tutti i ragazzi dell'Istituto Agrario e a tutta la città di Brindisi. La legalità e l'antimafia sono valori dai quali la nostra organizzazione non prescinde, e sui quali non intendiamo indietreggiare nemmeno di un millimetro. Questi attacchi vili e infami non ci spaventeranno. Continueremo a diffondere e a portare avanti questi valori, lo faremo anche per Melissa e Veronica".

Antonio Gabellone, Presidente della Provincia di Lecce: "Chi intende riportare un clima di terrore in Italia e nel nostro Mezzogiorno sappia che non ci riuscirà, sappia che la legalità e l'orgoglio dei brindisini, dei salentini e degli italiani sarà sempre più forte e fragorosa di qualunque bomba, anche oggi che uccide e ferisce squarciando il cielo del Salento. L'infamia di aver colpito una scuola, il luogo simbolo in cui ciascun genitore affida con tranquillità e certezza di sicurezza ogni nostro figlio, deve farci necessariamente alzare ancora di più la guardia contro ogni illegalità. Il vergognoso, vile e infame gesto di violenza di oggi è uno sfregio al Salento e alla nostra libertà da ogni crimine.
In questo momento sento di essere vicino oltre che alle famiglie dei ragazzi colpiti da questo orrendo gesto di terrorismo anche alle istituzioni di Brindisi, al Sindaco Consales e al Presidente Ferrarese, ma soprattutto alle forze dell'ordine e alla magistratura che negli ultimi giorni e negli ultimi mesi hanno inferto colpi mortali alle organizzazioni criminali con decine e decine di arresti che hanno decapitato intere famiglie mafiose.
Brindisi e i salentini saranno sempre accanto a queste vittorie della legalità; e oggi più che mai occorre tornare a vincere la criminalità rafforzando il primato dello Stato sul territorio".

"Profondo cordoglio e vicinanza ai familiari di Melissa Bassi e a chi in queste ore sta lottando per la vita". Lo esprime la senatrice Adriana Poli Bortone, cofondatrice del movimento Grande Sud. "In questo momento – aggiunge - la prudenza è d'obbligo e occorre capire quanto prima cosa sia realmente accaduto. Colpire una scuola e dei ragazzi è quanto di più incivile ci possa essere". "Nei prossimi minuti – annuncia - mi recherò presso l'istituto scolastico e l'ospedale Perrino per testimoniare la nostra vicinanza a chi è stato colpito da un atto così brutale, che dovrebbe spingere tutti ad uno sforzo eccezionale per una reazione fortissima. Tutto ciò non può assolutamente succedere".

Dim lights


Articoli correlati

L'editoriale

Strabismi

Una canzone al giorno

La ricetta di oggi

Pasta, fagioli e cozze

Manuela Mercuri      
La ricetta di oggi

I più letti della settimana

Cerco cuccia!

Login

Chi è online

 101 visitatori online

Statistiche

Utenti : 5
Contenuti : 4439
Link web : 4
Tot. visite contenuti : 5757948
You are here: Politica Salento Gervasi e Montagna hanno partecipato alla manifestazione di Brindisi. Le reazioni di tutto il mondo politico pugliese