Galatina.it

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
"C'è un tempo per tacere e un tempo per parlare"
Viva Athena
Parva

I socialisti? Inaffidabili. Antonio Pepe? Un traditore. La legalità? Una scusa. Le lettere del Prefetto si riferiscono a vicende che partono dal 2006. Giancarlo Coluccia si toglie un po' di sassolini dalla scarpa

E-mail Stampa PDF

Dim lights “I socialisti riescono ad individuare chi in una competizione può risultare vincente ma poi sono incapaci di governare. (…) Hanno fatto saltare tre amministrazioni. Non mi fido mai di quello che dicono gli altri ed ho voluto provare. (…) Al contrario di quanto fece Sandra Antonica cambiando continuamente assessori(…) non ho ceduto alle richieste dei socialisti. Sono contento di andare a casa per questo”. Giancarlo Coluccia, con calma

non le manda a dire a nessuno e si toglie molti sassolini dalla scarpa.
“Antonio Pepe (eletto nel Pdl, all'opposizione è poi passato nell'Udc, in maggioranza per poi essere il primo firmatario della sfiducia al Sindaco, ndr) ha tradito la mia fiducia”- aggiunge l'ex- Primo Cittadino.
“Il polverone sollevato sulla legalità è stata una scusa”- sostiene Coluccia. “Molte delle cose chieste dal Prefetto partono dal lontano 2006 -afferma- e sono indagini a 360 gradi. Non un fatto specifico ma tanti fatti apparentemente legati fra di loro”.

Presto disponibile l'audio/video integrale della conferenza stampa di Giancarlo Coluccia


Articoli correlati

L'editoriale

Strabismi

Una canzone al giorno

La ricetta di oggi

Pasta, fagioli e cozze

Manuela Mercuri      
La ricetta di oggi

I più letti della settimana

Cerco cuccia!

Login

Chi è online

 113 visitatori online

Statistiche

Utenti : 5
Contenuti : 4439
Link web : 4
Tot. visite contenuti : 6275099
You are here: Politica Palazzo Orsini I socialisti? Inaffidabili. Antonio Pepe? Un traditore. La legalità? Una scusa. Le lettere del Prefetto si riferiscono a vicende che partono dal 2006. Giancarlo Coluccia si toglie un po' di sassolini dalla scarpa