Celentano? No, grazie!

Stampa

celentanonograzie celentanonograzie Il commissariamento del Festival di Sanremo ci da ragione e ci conforta". Lo afferma la senatrice Adriana Poli Bortone, cofondatrice di Grande Sud, movimento che ha anche lanciato su Twitter e Facebook la campagna "#celentanonograzie Se lo senti parlare... lo eviti!" con tanto di cartolina elettronica raffigurante il volto di Adriano Celentano.
"Quella di Celentano – spiega la senatrice – è stata una performance arrogante, ingiustificatamente saccente, invadente nei riguardi dei cantanti, estranea all'identità del festival, decisamente sgradevole verso Avvenire e Famiglia Cristiana. Una vera offesa ai sentimenti dei cattolici per altro pagata con 750mila euro di tasse degli italiani".
"Sono lieta – conclude l'ex ministro - di aver cambiato canale. Al presunto impegno civile di Celentano, preferiamo un milione di volte quello vero e concreto di persone come Guariniello".