Era tutto pronto per trasferire gli elicotteri da Brindisi a Galatina, ora perché si mandano a Gioia del Colle?

Stampa

Freccia Tricolore a Galatina. Gli edifici dietro erano destinati agli elicotteri? Freccia Tricolore a Galatina. Gli edifici dietro erano destinati agli elicotteri? Interrogazione - Al Ministro della difesa. - Premesso che: l'84° Centro SAR è un reparto operativo di soccorso aereo con elicottero HH3F dislocato dal 1979 sulla base militare di Brindisi; il Gruppo volo, a settembre 2012, subirà un trasferimento e verrà spostato dalla base di Brindisi alla base di Gioia del Colle, a causa dell'acquisto di nuovi elicotteri AUGUSTA Westland AW 139;nel ripercorrere le fasi di tale trasferimento, possiamo constatare che fino a qualche anno fa 1'84° doveva andare presso il 61° Stormo di Galatina,

era tutto pronto, si erano spesi dei soldi per realizzare la zona lavaggio elicotteri (necessaria quando un elicottero vola sul mare a bassa quota), soldi per ristrutturare l'hangar, necessario per proteggere gli elicotteri ed a ospitare il personale. Improvvisamente tale progetto è stato disatteso preferendo, ora, spendere altri soldi nel trasferire il Gruppo a Gioia del Colle;
all'Amministrazione converrebbe lasciare il Gruppo sulla base di Brindisi per vari motivi: 1) la chiusura del Distaccamento Aeroportuale (che fa da supporto logistico al SAR) che opera sulla base militare è prevista per il 2015 (il primo decreto prevedeva la chiusura nel 2010); 2) il nuovo elicottero troverebbe il ricovero presso un hangar lasciato, nel gennaio 2011, dalla ditta Aeronavali attualmente vuoto; 3) per il trasferimento del Gruppo occorrerebbe pagare, all'80% del personale, l'indennità di trasferimento, che ammonta a circa 11 mila euro a militare;
- la scelta di Gioia del Colle, inoltre, dal punto di vista meteorologico, non gioverebbe all'operatività degli elicotteri, come pure le strutture fatiscenti non faranno operare il personale ai migliori livelli. La distanza dal mare ridurrebbe enormemente il tempo dell'esercitazione, poiché la maggior parte di questa viene svolta sul mare. Il personale, infine, proveniente maggiormente dalla provincia di Lecce, subirebbe dei disagi economici e fisici a percorrere la distanza di almeno300-400 km al giorno tra andata al posto di lavoro e ritorno;
- è facile comprendere che lasciare il Gruppo a Brindisi, o prevedere uno spostamento a Galatina (come si era ipotizzato negli anni precedenti, considerato che il 50-60% del personale risiede nella provincia di Lecce) farebbe risparmiare all'amministrazione difesa soldi e soprattutto preserverebbe l'operatività e la motivazione del suo personale chiamato ad operare con l'84° Centro SAR,
si chiede di sapere
quali iniziative intenda intraprendere il Ministro in indirizzo in merito alla situazione su esposta.