Le ferie senza fine dell'Aqp di Galatina. Pronti alla mobilitazione!

Stampa

acquedotto_pugliese acquedotto_pugliese Una volta Galatina era considerata l'ombellico del Salento e certamente qualcosa doveva significare. Sicuramente era un centro importante da un punto di vista culturale, commerciale e artigianale. Un centro dove una volta erano allocati tutti gli uffici più importanti: ufficio delle imposte, del registro, la Guardia di Finanza, la Pretura, un ufficio dell'Enel e uno dell'Acquedotto Pugliese, della Sip ora Telecom,un importante Ospedale dal quale sono partiti molti primari che ora operano nell'ospedale di Lecce. Poi pian piano vuoi la razionalizzazione del territorio, vuoi la razionalizzazione delle spese cominciò e continua lo stillicidio della chiusura di quasi tutti gli uffici. Oggi a Galatina credo che di tutti quelli sopra nominati rimangono appena due: l'Ospedale falcidiato sia di reparti che di risorse umane ed un piccolo ufficio dell'Acquedotto Pugliese. Ma ecco che continua la falcidia di uffici pubblici, difatti ora tocca all'Aqp, l'Ufficio ubicato in piazzetta Toma.
Questa volta la tecnica è stata diversa. Chiusura per ferie fino al 31 di agosto e dal primo settembre non ha più riaperto. La protesta dei cittadini è legittima, ed il partito democratico intende sollecitare tutte le forze politiche Galatinesi di qualunque colore ad allertarsi per una generale protesta nel caso in cui l'incontro che il Sindaco Montagna terrà a giorni con i vertici baresi dell'Acquedotto Pugliese non dovesse garantire la permanenza dell'Ufficio dell'AQP a Galatina.