Galatina.it

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
"C'è un tempo per tacere e un tempo per parlare"
Viva Athena
Parva

A fuoco la discarica di via Sogliano. Disperse nell'aria le fibre cancerogene di amianto. Sindaco ed assessore all'ambiente sordi a tutti gli appelli. Corciulo interviene ma non può toccare quei rifiuti

E-mail Stampa PDF

La colonna di fumo nero si vedeva dalla tangenziale est da almeno cinque chilometri di distanza. Erano da poco passate le dieci. Sembrava impossibile che, in pieno giorno, in via Sogliano, in una zona abitata qualcuno avesse appiccato il fuoco a dei pneumatici. Invece era proprio così (vedi il filmato). Quando è arrivato il Nucleo di Protezione Civile quasi tutte le gomme erano bruciate ed a fuoco erano andate anche le masserizie, Dim lights

i cartoni, le sedie rotte e tutto quello che di infiammabile si trovava intorno ai cassonetti che si incontrano sulla sinistra andando verso Sogliano Cavour. Erano state ovviamente risparmiate dal fuoco le lastre rotte di Ethernit che sicuramente hanno ulteriormente diffuso nell'aria pericolosissime (perché cancerogene) fibre di amianto.
Gli abitanti della zona (alcuni sono medici) hanno più volte lanciato l'allarme ma i loro appelli al Sindaco, in qualità di responsabile della salute pubblica, sono rimasti finora inascoltati.
L'assessore all'ambiente fa orecchie da mercante. Sembra che sia sensibile solo alle diffide dei Carabinieri. Anche ieri gli agenti della Polizia Locale hanno effettuato dei rilievi. Sono stati i Vigili del Fuoco a chiamarli e ad esortarli a prendere dei provvedimenti urgenti. 
Giuseppe Corciulo, il presidente della Csa, ha fatto intervenire i suoi uomini che però non hanno potuto fare molto. I rifiuti depositati intorno a quei cassonetti sono classificati come “speciali”, devono perciò essere rimossi da una ditta specializzata su incarico del Comune. “Ora che sono bruciati non possiamo proprio toccarli” – spiega Francesco Galasso, direttore della Centro Salento Ambiente spa.
Rimane sempre irrisolto il problema dei mascalzoni, incivili che di notte vanno a depositare ogni genere di porcherie in una zona abitata e densamente trafficata. Devono organizzarsi gli abitanti delle case intorno ai cassonetti, fotografarli e denunciarli? Rimanere inerti non si può. L'assessore ed il Sindaco probabilmente pensano che il problema dei rifiuti a Galatina sia solo quello di sfilare la sedia dalle terga dell'attuale presidente della Centro Salento Ambiente. Si può andare avanti così?


L'editoriale

Strabismi

Una canzone al giorno

La ricetta di oggi

Pasta, fagioli e cozze

Manuela Mercuri      
La ricetta di oggi

I più letti della settimana

Cerco cuccia!

Login

Chi è online

 100 visitatori online

Statistiche

Utenti : 5
Contenuti : 4439
Link web : 4
Tot. visite contenuti : 5873692
You are here: News Cronache galatinesi A fuoco la discarica di via Sogliano. Disperse nell'aria le fibre cancerogene di amianto. Sindaco ed assessore all'ambiente sordi a tutti gli appelli. Corciulo interviene ma non può toccare quei rifiuti