Picchia la moglie (20 giorni di prognosi) e poi si sente male. Ricoverato a Gallipoli

Stampa

CarabinieriGallipoli CarabinieriGallipoli Nella tarda serata di ieri, a Gallipoli, i Carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia, Ellaghbabi Moez, 40enne tunisino, censurato. Questi già dal giorno precedente e praticamente senza soluzione di continuità, picchiava selvaggiamente per ragioni ancora da chiarire, la propria moglie convivente. La donna visitata dai sanitari dell' Ospedale di Gallipoli, è stata dichiarata guaribile in venti giorni a causa di un "evidente ematoma periorbitario dx, ecchimosi diffuse in tutto il corpo, e di unostato d'ansia reattivo".
I maltrattamenti si reiteravano da piu' di 6mesi. L'arrestato, su disposizione dell'Autorità Giudiziaria, trasportato presso l'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce presso il reparto dedicato, sotto osservazione della Polizia penitenziaria, poiché colto anch'egli da malore .