Bloccato a dieci miglia da Otranto un gommone con 122kg di marijuana a bordo. Arrestasti i due scafisti

Stampa

marijuana_su_gommone marijuana_su_gommone Nel corso del pattugliamento del Mare Ionio e del Canale d'Otranto un aereo portoghese impiegato nell'ambito dell'Operazione internazionale "AENEAS 2012" – promossa dall'Agenzia Europea Frontex per il contrasto dei flussi migratori nel Mar Ionio e nell'Adriatico Meridionale - sotto il coordinamento del Gruppo Aeronavale della Guardia di Finanza di Taranto, alle 01.05 di sabato 4 agosto, intercettava, al largo di Capo D'Otranto, un gommone tipo "tender " di circa 2,80 metri, con due persone a bordo, in navigazione in acque internazionali, sospettato di traffici illeciti.
Iniziava un continuo e prolungato monitoraggio occulto da parte di unità aeree e navali della Guardia di Finanza, sino alle 04.05 di questa mattina, quando il gommone, a 10 miglia di Capo d'Otranto, veniva fermato da un Guardacoste del Gruppo Aeronavale di Taranto e da una Vedetta del Reparto Operativo Aeronavale di Bari.
A bordo i Finanzieri rinvenivano 122 kg di sostanza stupefacente del tipo marijuana e due scafisti di nazionalità albanese.
Il pronto intervento dei Finanzieri, saltati a bordo del mezzo, consentiva il recupero dell'intero carico di stupefacenti, che avrebbero fruttato all'organizzazione criminale circa 1 milione di euro.
I due scafisti, S.A. di 34 anni e A.A. di 30 anni, sono stati arrestati per traffico internazionale di sostanze stupefacenti.
Dall'inizio dell'anno, la Guardia di Finanza ha già sequestrato, lungo le coste pugliesi, circa 4800 kg. di stupefacenti e 7 motoscafi, arrestando nove scafisti di nazionalità albanese.