Galatina.it

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
"C'è un tempo per tacere e un tempo per parlare"
Viva Athena
Parva

Idee

Un Natale di speranza

E-mail Stampa PDF
Intorno ombre,
i ricordi svaniscono lentamente.
Spauriti visi lottano per un cambiamento.
Desiderio di vedersi uniti per dare un senso alla realtà,
soffocano i loro respiri nella rabbia.
Nessuno vende speranza a buon mercato,
tutto è così scontato, difficile, ingenuo.
Inseguiamo l’aria di libertà,
nella sera fredda e nuvolosa
tra mille pensieri
e assillanti preoccupazioni.
Alla povera gente che non ha da mangiare,
darei un bel piatto di speranza,
chissà se sazierà la fame.
Un suono di campane
accompagna il rumore delle macchine
ferme al semaforo.
Nel cuore
il sentimento di un piccolo momento di pace,
accompagna pochi uomini,
l’inquietudine ravviva il rintocco della fede.
Un arcobaleno di fiducia insegue la stella,
nella preghiera ci porta al "NATALE".

Casket

E-mail Stampa PDF

…sembra un deja vu
Indosso la stessa maglietta
E la stessa tristezza
Che mi accompagnò quel giorno
È cosi frustrante sapere
Che sei rinchiuso tra quelle 4 fottute
Tavole….

Leggi tutto...

Nnuttata ti Santu Martunu (La notte di San Martino)

E-mail Stampa PDF
NNUTTATA TI SANTU MARTINU 

Nnuttata ti Santu Martunu comu tant’addhre,
la linterna si cotula sotta la suppenna,
stu jentu ti punente port’acqua.

Lu ‘ndore ti la sardizza nda chinu l’aria,
to mosche stracche olane ‘nnanzi llu cautu ti lu fucalire,
l’occhi a mumenti mi chianginu penzu ete lu fumu.

Uci senza senzu si secutanu ddhra ffore,
portanu tantu tulore a mpiettu,
no bbetinu cc’è nc’ete ‘nnanzi
ma sentinu la puzza ti li taule.

Nc’ete ci sta ‘mpanna, ci sta face sonni biati,
ci no pigghia sonnu pi nnienzi.
Dhhra ffore la negghia sta moddhra tuttu,
nci ulia nu rande mantone cu mboggica ogne ccosa.

A rretu ccasa si llamentanu li cuccuacie,
tice la ecchia: “ sci li sente cantare ete prossimu a llu murire".

Se sta notte catinu to stiddhrere
so picca quiddhri ca l’etinu,
la negghia sconde tuttu lu celu.
Ti retu lu lustru quardu
picca si ete.

 

LA NOTTE DI SAN MARTINO


Una notte di San Martino non diversa dalle altre,
la lanterna dondola sotto il porticato,
il vento di ponente anticipa la pioggia.

L’odore di carne alla brace combatte nell’aria,
stanche mosche volano vicino al caldo focolare,
mi lacrimano gli occhi la colpa forse è del fumo.

Voci disperate si rincorrono al buio,
dal loro cuore traspare dolore,
non vedono ad un palmo di naso,
ma sentono la puzza della falce vestita a nero.

C’è chi cerca di dormire, chi già sogna beato, chi non riuscirà a chiudere
occhio.
Fuori la nebbia è padrona,
ci vorrebbe una grande coperta per ripararsi da questi cristalli di ghiaccio.

In fondo al giardino si lamentano le civette,
la sibilla popolare dice:
“chi le sente cantare è prossimo al morire”.

Se stanotte cadono le stelle
saranno in pochi a vederle,
la nebbia nasconde il nostro firmamento.
Nascosto dall’imposta guardo fuori
vedo poco.



Cercavo qualcosa

E-mail Stampa PDF

 Quella sera era scesa troppo presto,

nuvole, lampi e tuoni fecero il resto.

Solo io nella piazza del paese

a cercare risposte alle mie attese. 

Cercavo in un angolo del cuore

qualcosa che potesse conservare,

i battiti di gioia ed il sapore,

la vita in ogni giorno che scompare.

Leggi tutto...

Lu ggiurnu ti li morti

E-mail Stampa PDF
LU GGIURNU TI LI MORTI
 



Comu furmicule ‘nfila,
osce inimu cu bbi truamu,
no tutti purtamu crisantemi.
Li randi gioie, li nimiche pene,
l’iti llassate a rretu, a nnui.
No circati cchiù nienzi,
no ddiciti ci siti e ddhro sta sciati,
moi, sta bbulati citti citti a llu scuru ti la notte.
Li ricordi no mmorinu mai,
stonu scusi intra llu core e intra ll’occhi,
'ncora sta bbi itimu.
Cu lli capiddhri janchi,
queti queti nsittati ‘mbuccati ‘nnanzi,
la barba longa,
li tecite ‘ngiallinute ti na sicaretta fasa.
No cchiantati ranu, ne pigghiati lu calamaru,
no cugghiti cchiù nienzi, ne scriviti papielli,
no frabbicati case, ne strate,
pariti e mmancu cannuni,
no faciti figghi ma mancu bbi lliticati.
Quando ni ndi turnamu,
nui putimu ddumare lu focu,
‘rrustire la carne, brustulire nu picca ti pane tostu
o cu quardamu la televisione.
Li ecchi ‘nvece,
mentinu na lliona llu focu,
ticinu to paternosci lindi lindi e vvonu si corcanu.





 IL GIORNO DEI DEFUNTI


 

Come formiche in fila,
oggi veniamo a trovarvi,
non tutti portiamo crisantemi.
Le grandi gioie, le avverse pene,
le avete lasciate alle spalle, a noi.
Non chiedete più niente,
né da dove venite,
né dove state andando,
ora, volate silenziosi nel buio della notte.
Vivete ancora nella nostra vita, nei nostri cuori e nei nostri occhi.
Nel ricordo bianco,
calmi seduti con la schiena curva,
la barba incolta,
le dita ingiallite da una compagna infedele.
Non piantate grano, né usate la penna,
non fate più raccolti, ne scrivete lettere,
non costruite case, ne strade,
né dighe, ne armi,
non fate l’amore ma neanche la guerra.
Al ritorno,
noi possiamo accendere il fuoco,
arrostire la carne, le fette di pane raffermo
o guardare la televisione.
I vecchi invece nell’eterna speranza 
ancora rincalzano il fuoco,
dicono le loro semplici preghiere prima di andare dormire.


Pagina 15 di 15

Articoli correlati

L'editoriale

Strabismi

Strabismi, il libro

Valentina Chittano, Raffaella Calso                 Strabismi

Una canzone al giorno

La ricetta di oggi

Pasta, fagioli e cozze

Manuela Mercuri      
La ricetta di oggi

I più letti della settimana

Cerco cuccia!

Login

Chi è online

 85 visitatori online

Statistiche

Utenti : 5
Contenuti : 4439
Link web : 4
Tot. visite contenuti : 5893345
You are here: Idee