Galatina.it

  • Full Screen
  • Wide Screen
  • Narrow Screen
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
"C'è un tempo per tacere e un tempo per parlare"
Viva Athena
Parva

Volevo scrivere solo una poesia

E-mail Stampa PDF

poesiasolouna poesiasolouna Diavolo di una sera di settembre
e della frenesia che a volte prende
la mente mia in preda alla "poesia"
nelle sere di noia o di allegria.

C'era un cielo stellato e luminoso,
un mare chiaro, un vento silenzioso,
tutte cose che mi davan l'ispirazione,
m'aiutavan a trovar rime e parole.
Rimasi a lungo a pensare,
ma non ci fu niente da fare.
Non mi veniva in mente un accidente,
una frase, un'idea, ma proprio niente.
Non sentivo più il cuore parlare,
non mi diceva nulla da ascoltare.
Non c'era abbastanza tristezza,
non c'era abbastanza amarezza,
mi mancava la fantasia
per comporre una bella "poesia".
Senza un motivo, senza una ragione,
quella notte smarrii l'ispirazione
e una paura comparve sul mio viso:
se fosse più tornata all'improvviso.
Vidi dalla finestra la notte andare via
lasciando dietro a sé buio e magia
ed io triste e confuso,
stanco e deluso
poggiai la penna e la malinconia,
VOLEVO SOLO SCRIVERE, SCRIVERE UNA POESIA.

 

Diavolo di una sera di settembre e della frenesia che a volte prende la mente mia in preda alla “poesia” nelle sere di noia o di allegria. C’era un cielo stellato e luminoso, un mare chiaro, un vento silenzioso, tutte cose che mi davan l’ispirazione, m’aiutavan a trovar rime e parole. Rimasi a lungo a pensare, ma non ci fu niente da fare. Non mi veniva in mente un accidente, una frase, un’idea, ma proprio niente. Non sentivo più il cuore parlare, non mi diceva nulla da ascoltare. Non c’era abbastanza tristezza, non c’era abbastanza amarezza, mi mancava la fantasia per comporre una bella “poesia”. Senza un motivo, senza una ragione, quella notte smarrii l’ispirazione e una paura comparve sul mio viso: se fosse più tornata all’improvviso. Vidi dalla finestra la notte andare via lasciando dietro a se buio e magia ed io triste e confuso, stanco e deluso poggiai la penna e la malinconia, VOLEVO SOLO SCRIVERE, SCRIVERE UNA POESIA.


Articoli correlati

L'editoriale

Strabismi

Una canzone al giorno

La ricetta di oggi

Pasta, fagioli e cozze

Manuela Mercuri      
La ricetta di oggi

I più letti della settimana

Cerco cuccia!

Login

Chi è online

 133 visitatori online

Statistiche

Utenti : 5
Contenuti : 4439
Link web : 4
Tot. visite contenuti : 6227396
You are here: Idee Poesia Volevo scrivere solo una poesia